Casistica operatoria

L'attività chirurgica iniziata nel 2000 durante la specializzazione vede oltre 1500 interventi come primo operatore.

Durante questi anni ha potuto incrementare la propria esperienza in traumatologia, affinando tecniche di chirurgia sempre meno invasive per il trattamento delle fratture sia degli arti superiori che inferiori, con tutte le metodiche oggi disponibili di fissazione interna o esterna.

Presso l'Ospedale San Carlo Borromeo ha potuto effettuare numerosi interventi chirurgici causati da traumi stradali o traumi dell'età geriatrica. Si è in particolare adoperato allo sviluppo di nuove metodiche in campo ortopedico per trattare pazienti "fragili", come sono i pazienti anziani.

In campo chirurgico ortopedico ha focalizzato l'interesse sul trattamento delle patologie dell'arto inferiore, arricchendo il proprio bagaglio con la chirurgia artroscopica per il trattamento delle patologie del ginocchio, dalle lesioni meniscali e cartilaginee sino alle ricostruzioni legamentose.

Negli ultimi anni si è dedicato a tecniche di sostituzione protesica dell'anca con metodiche mini invasive, per migliorare i risultati funzionali e i tempi di recupero dei pazienti sottoposti a questo tipo di chirurgia, siano essi giovani ancora in attività o anziani affetti da frattura del collo femorale.